Leggi feedback

Sei curioso di sapere come si sono trovati altri utenti che hanno viaggiato con noi ?

Leggi tutti i feedback delle persone che hanno scelto Viaggitribali per vivere la loro più grande avventura, oppure se anche tu sei stato dei nostri rilascia il tuo feedback

 
La Dancalia e Harar lo Yemen d'Africa gennaio 2014Dancalia e HararViaggio ben strutturato impegno medio per persone in buona salute guida,autisti e cuoco eccellenti. Da consigliare a persone amanti della vera Africa...Gigi e Cristina
Genna 201427 dic 2013Natale in EtiopiaBuonasera Massimo e Barbara,

ho ricevuto il calendario delle vostre partenza, sono interessata a tornare in “Africa nera” tra settembre/ottobre/novembre 2014, visto che il tour Etiopia è stato favoloso!!!

A giorni vi chiedo i preventivi per quel periodo.

Buona serata

Cristina Ferrari.
Cristina Ferrari
Genna 201427 dic 2013Natale in EtiopiaBuongiorno Sig. Massimo, sono da pochi giorni rientrata dal viaggio in Etiopia che ho intrapreso con il Sig. Elli. Volevo ringraziarla per la bellissima esperienza. Il viaggio, l'escursioni, l'organizzazione, la guida locale, sono stati di alto livello ma indiscutibilmente tutto è stato valorizzato dalla competenza e la passione che ha dimostrato il Sig. Elli per questa terra. Grazie ancora. Ambra FerreroAmbra Ferrero
Genna 201427 dic 2013Genna 2014carissimi barbara e massimo

il viaggio in etiopia per genna 2014, non ha avuto una grinza per tutti i 14 giorni grazie ad Alberto, uomo di grande umanità  e sapere che ci ha voluto veramente bene, grazie ad Angelo veramente vicino in ogni momento, grazie all'etipia ed alle sue genti con le chiese ed i panorami pieni di vulcani e di canyions, e grazie a tutti i partecipanti che pur nella diversità  ci siamo incastrati l'uno all'altro come in un grande puzzle di bellezza . Mi sono goduto la notte del natale a Lalibela come uno degli eventi irripetibili ed unici nella vita di un essere umano .

Finite le lodi torno agli affari e vi chiedo di informarmi, ancora per l'Etiopia del Sud per il mese di Settembre, di cià mi ha detto un uccellino .

cordiali saluti Claudio Renzi
Claudio Renzi
Genna 201427 dic 2013Genna 2014Buorgiorno Massimo, siamo tornati entusiasti del tour che abbiamo fatto
in Etiopia perchè per noi è stato al di là  di ogni aspettativa. Abbiamo
visitato le bellissime chiese rupestri con le straordinarie spiegazioni di
Alberto che è sempre stato molto esauriente e disponibile.
Belete ci ha sempre aiutati e ci ha fatto sentire a nostro agio in ogni ambiente.
Le strutture alberghiere erano confortevoli e il cibo ottimo.
Grazie di tutto
Giovanna e Paolo (Trento)
Paolo Zanasi
Etiopia Storica27.12.2013Etiopia storica e religiosaBuorgiorno Massimo, siamo tornati entusiasti del tour che abbiamo fatto
in Etiopia perchè per noi è stato al di là  di ogni aspettativa. Abbiamo
visitato le bellissime chiese rupestri con le straordinarie spiegazioni di
Alberto che è sempre stato molto esauriente e disponibile.
Belete ci ha sempre aiutati e ci ha fatto sentire a nostro agio in ogni ambiente.
Le strutture alberghiere erano confortevoli e il cibo ottimo.
Grazie di tutto
Giovanna e Paolo (Trento)
Giovanna Gentilini
Il Sud E Le Etnie16 agosto 2013Etiopia: il Sud e le Etnie - Agosto 2013Lo scorso agosto abbiamo effettuato questo splendido viaggio nel Sud Etiopia, in particolare nella valle dell'Omo, alla scoperta dei paesaggi di questa meravigliosa nazione e, in particolare, delle etnie che abitano questa area.
Desideriamo ringraziare Barbara e Massimo per l'ottima organizzazione. Fin dai primi contatti l'impressione è stata quella di aver trovato due persone cortesi, efficienti e professionali.
Infatti, l'organizzazione del viaggio è stata pressochè perfetta! Renato, la guida, professionale, preparato e molto simpatico: ha sempre cercato di venire incontro alle nostre richieste ed è sempre riuscito a superare qualche piccolo imprevisto in modo da non farci perdere nulla di quanto previsto. Anche Amdi, l'autista, è sempre stato gentile e prudente (elemento da non sottovalutare viste le diverse attitudini dei "piloti" locali!). Una menzione particolare meritano entrambi per la puntualità  "svizzera".
Le sistemazioni erano tutte ben al di sopra delle nostre aspettative! Abbiamo già  visitato diversi paesi africani e difficilmente ci siamo trovati in alloggi di questo livello. Alcuni addirittura lussuosi (Haile resort, Sabana lodge) ma anche i più modesti (Jinka resort, Yabelo motel) quasi non sembravano africani! Anche il cibo era normalmente abbondante e di buona qualità  ... certo il servizio aveva spesso tempistiche locali ma ... anche questo fa parte del viaggio! E poi in Italia lo chiameremmo pomposamente slow food!!! ;)
Non vogliamo dilungarci a raccontare la gentilezza delle persone che abbiamo incontrato, il fascino esercitato dalle varie etnie/tribù che abbiamo visitato, l'eterogeneità  degli splendidi paesaggi: non troverei le giuste parole per rendere merito a tutti. Solo un consiglio: se amate scoprire il mondo non perdetevi assolutamente questo viaggio!!!
Paolo, Santina e Chiara
Meskal, La Festa Della Croce16/9/2013Etiopia del Nord- MeskalIl viaggio è stato eccellente! Aspettative assolutamente non deluse.L'itinerario molto molto interessante e ben strutturato; la guida Belete i 3 autisti che ci hanno accompagnato persone preparate e molto affidabili.
Due note dolenti:
1)l'albergo a Kompolcha veramente ai limiti igienici (forse da sconsigliare nei prox tour se non necessario)
2) alle cascate del Nilo siamo state letteralmente "derubate" da 3 persone locali che ci hanno accompagnato. Abbiamo sbagliato a non accordarci prima sul compenso ma non avevamo capito la situazione quindi per favore avvisate gli altri turisti visto che forse è comunque obbligatorio affidarsi ai locali in modo che non si trovino nella ns sgradita situazione o anche evitare questa visita specie nei periodi lontani dalle piogge. Grazie
FELICI ANNA RITA
Etiopia Storica25704/13viaggio in Etiopia (classica o storica?)Prima di un breve raccontino, dico subito che l'organizzazione è stata buona, non ci sono stati intoppi di rilievo, accompagnatore, guida e compagni di viaggio tutti molto buoni; resto dell'idea che il prezzo sia un po' alto per i servizi, ma il viaggio in ogni caso è molto bello e vale la pena di farlo.
Il viaggio in Etiopia non è un viaggio per tutti (e infatti non tutti lo fanno); è un po' faticoso, non troppo comodo (niente di drammatico comunque) e anche non molto facile da raccontare: è un paese silenzioso e melodioso, più facile da raccontare con le fotografie che con le parole.
Dico subito che gli alberghi arrivano stentatamente alla sufficienza, i ristoranti anche: ma non è per questo che si va in Etiopia; e non ci si va nemmeno per i suoi monumenti: i castelli di Gondar, le steli di Axum (interessanti, ma nessuna emozione), le chiese del lago Tana, le chiese rupestri, con i loro "affreschi" (in realtà  non sono affreschi ma tele incollate al muro) dal carattere molto ingenuo e primitivo ma espressivo e fiabesco. In Etiopia si va per le tre P: persone, paesaggi, piante; e su questi punti, non ci sono delusioni. Le persone sono amichevoli, disponibili, dignitose, a volte fiere; direi che manca un po' di iniziativa, di intraprendenza, e lo si nota in molte cose, ma c'è una gentilezza di fondo che fa perdonare anche le mancanze.
L'ascensore è rotto e abbiamo la camera al V piano? Pazienza. Le lampadine in bagno sono fulminate, lo specchio appeso per un angolo? quando lo diciamo all'addetto, ci chiede: any other problem? e lascia tutto come sta.
Abbiamo visto acacie bellissime, euforbie maestose e sicomori che sono veri e propri monumenti.
Uno dei tratti principali delle persone è la loro religiosità : preti e monaci in quantità , le piccole chiese sono strapiene e la folla si dispone all'esterno e partecipa alle funzioni con attenzione, ognuno coperto da uno scialle bianco con il bordo colorato: il colore c'è sempre. Perchè i vestiti, soprattutto dei bambini, sono molto spesso stracci rattoppati (e tante volte), ma sempre colorati e ben accostati. Ma interessanti quanto le funzioni religiose sono le scene di vita comune: dalla donna Falasha (una tribù ebraica alle porte di Gondar) che macina in maniera primitiva con una pietra, alla ragazza che pesta qualcosa in un mortaio in una via di Axum, agli uomini che arano, alle donne che portano l'acqua nelle taniche gialle, alla povera vita nei poveri villaggi. Una costante purtroppo è l'estrema e diffusa povertà , più che in altri posti che ho visto. La grandissima maggioranza della popolazione vive in tucul, o capanne o baracche (a volte anche con le bestie) dove semplicemente non c'è nulla. Per chiudere, la foto della chiesa principale di Lalibella (ce ne sono altre 10 in poco spazio, più altre nei paraggi), è forse inflazionata, ma la chiesa è ugualmente emozionante: è scavata nella roccia, tenera ma pur sempre roccia: un po' come Petra, ma questa è scavata dall'alto, veramente sorprendente.
roberto moresco
La Dancalia Lunare E La Città  Di Rimbaud3 febbraio 2013La Dancalia Lunare con Estensione ad Harar e LalibelaUn grosso grazie a Barbara e Massimo per averci organizzato questo viaggio si impegnativo, ma vario e bellissimo che ci ha portati dalla coloratissima Harar agli scenari del lago Afrera, dal rabbioso ribollire del vulcano Ertale al caratteristico villaggio di Ahmedela,dalla tavolozza di colori del Dallol all'improba fatica che è l'strazione del sale sul lago Assale, dai quasi inaccessibili monasteri di Geralta alle maestose chiese di Lalibela, il tutto arricchito dalla conoscenza di gente stupenda perchè il senso del viaggio sta nel fermarsi ad ascoltare chiunque abbia una storia da raccontare dato che chi viaggia senza incontrare l'altro non viaggia, si sposta.Rita e Moreno